DSA


DSA

I disturbi di apprendimento (DSA) sono diagnosticati quando i risultati in test standardizzati, somministrati individualmente, su lettura, espressione scritta e calcolo risultano significativamente al di sotto di quanto previsto in base all’età, all’istruzione e al livello di intelligenza. I problemi di apprendimento interferiscono in modo significativo con i risultati scolastici o con le attività di vita quotidiana che richiedono capacità di lettura, calcolo, o scrittura.


Valutazione neuropsicologica per dsa

La valutazione neuropsicologica ha una duplice finalità sia diagnostica che riabilitativa. L'esame neuropsicologico è una misurazione obiettiva del funzionamento cognitivo. Implica l’analisi e la valutazione oggettiva di una serie di competenze cognitive. Fornisce informazioni sul comportamento, le capacità cognitive, le abilità apprese, e il potenziale cognitivo. Gli strumenti coinvolti sono:

- anamnesi
- osservazione
- tecniche strumentali
- test standardizzati


Trattamenti dsa

Valutazione apprendimenti: comprendono il colloquio con i genitori, la valutazione neuropsicologica (scala di intelligenza wisc-iv, leiter-r, cpm) e i test standardizzati. Riabilitazione degli apprendimenti: è un processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si promuove: lo sviluppo di una competenza non comparsa, rallentata o atipica; il recupero di una competenza funzionale che per ragioni patologiche è andata perduta; la possibilità di reperire formule facilitanti e/o alternative.
Trattamento degli apprendimenti: diretto ad aumentare l'efficienza di un processo alterato. E' gestito da un professionista, ha caratteristiche di specificità sia per gli obiettivi a cui si indirizza sia per le caratteristiche metodologiche e le modalità di erogazione. Tutor apprendimenti: ha la funzione di seguire i ragazzi con disturbi specifici dell'apprendimento, promuovendone l'autonomia, la partecipazione e l'integrazione attraverso l'uso di tecnologie informatiche, di metodologie didattiche attive e di strategie psicoeducative.


Sostegno alla genitorialità

Parent training ha come scopo il cambiamento nelle modalità del genitore di interagire con il proprio figlio e di reagire ai suoi comportamenti. Il training del genitore offre uno spazio di riflessione sui temi dell’accudimento, della relazione, della comunicazione, al fine di evidenziare e promuovere stili interattivi ed educativi “funzionali”. Gli incontri semi-strutturati (in genere almeno 10) possono essere riservati alla singola coppia o prevedere la partecipazione di altre coppie con problematiche simili. Esso è piuttosto mirato e tende a distinguere le problematiche coniugali dagli aspetti relativi all’educazione dei figli. Gli incontri servono a preparare i genitori al cambiamento e hanno l’obiettivo di rendere espliciti i pensieri e i comportamenti dei genitori nei confronti del figlio davanti alle specifiche problematiche trattate. Consulenza 0-5 questo spazio è ideato per orientare i singoli e le coppie che si apprestano a diventare genitori e per sostenere le famiglie in difficoltà con figli di età inferiore ai 6 anni. L’intervento è rivolto all’identificazione e modificazione delle situazioni di problematicità che riguardano lo sviluppo del bambino nei suoi aspetti funzionali, emotivi e relazionali. Viene utilizzata una metodologia di counseling psicologico e, laddove fosse necessario, incontri di psicoterapia breve che coinvolgono l’intera famiglia.
Training comportamentali per genitori con figli affetti da problemi specifici sono corsi orientati alla formazione dei genitori di bambini con ADHD, disturbi della condotta, disturbi del comportamento alimentare, Autismo. L’obiettivo dei corsi, oltre a rappresentare un momento di ascolto e sostegno per i genitori in difficoltà, è addestrare i genitori all’identificazione dei meccanismi non sani nella relazione con i propri figli e fornire le tecniche comportamentali per una gestione più funzionale del problema specifico.

Contattaci per Fissare un Appuntamento!

06 4544 8571